Sogni e ricordi

Forse è la mia mente che non mi impedisce di guarire.
Continuamente mi rimanda a cose che per stare bene dovrei dimenticare, o lasciare nel passato.

Stanotte mi sono fatta un trip mentale completo tra i miei ricordi. Mi sono ripercorsa in pratica tutto il periodo “buio” come lo chiamo io. Mi sono rivissuta emotivamente tutti momenti peggiori e tutte le perdite. Sapevo che stavo sognando, sapevo che non stava succedendo per la prima volta, ma non riuscivo a fermare il “film”. Riguardavo come un automa tutto come su un maxi schermo e sentivo addosso tutta l’ansia, il dolore, la perdita, il soffocamento…è stato proprio questo a svegliarmi alle 4 stamattina. La sensazione di soffocare. Mi mancava l’aria, tremavo e avevo gli occhi bagnati e la schiena sudata. Ero senza forze, come se tutto fosse successo la sera prima ed era sudore gelato. E tremavo. Non riuscivo a smettere di tremare. Mi sono dovuta alzare e andare in bagno per convincermi che non ero più spettatrice di niente e che ero nel mio corpo, e che era tutto passato. Non riuscivo nemmeno a realizzare che ero padrona delle mie gambe all’inizio. Poi facendo due passi grazie al cielo quella sensazione orribile è passata…

Quello che non mi riesco a levar dalla testa nemmeno ora che sono passate ore è la sensazione del mio cuore che martella violentemente nel petto. Tanto forte da soffocarmi… L’agitazione è passata un ora dopo, quando ho rinunciato a dormire e mi sono messa a leggere. Volevo andare avanti con “La via dello sciamano” ma non sono proprio riuscita nemmeno a guardarlo quel libro. Forse il mio inconscio mi bisbigliava qualcosa. Invece sono corsa con la mano verso “Hunger Games”. Sabato ho preso il secondo libro dopo che in due giorni ho divorato il primo… La storia “leggera” mi ha aiutato a rilassarmi e verso le sei mi sono concessa un’altra oretta di sonno.

Se la parola chiave della sottoscritta quest’anno è guarigione, non dovrei ignorare questo sogno… ma mi domando: ho già ben chiaro nella mia testa tutto quello che mi ha ferito quasi due anni fa… perché non appena pare che io riacquisti un minimo di pace spirituale e serenità emotiva rispunta fuori? È come se una parte di me non mi concedesse di essere pienamente a posto, pienamente felice. Come se mi dicessi: “No, non te lo meriti” o “E’ troppo presto perché tu stia bene!”.

Ho ripercorso con la mente quei mesi decine di volte, cercando di vederli da tutti i punti di vista. Penso che possa bastare… sono riuscita a chiudere il capitolo, e ho fatto le mie scelte. Ho atteso anche. Ma adesso ho capito che devo lasciare andare per stare bene… ora ritrovo un attimo di serenità dopo tanto tempo…
Forse non sono più abituata ad essere leggera e felice come prima. Forse devo cercare un nuovo tipo di serenità.

Forse se questi sogni sono così vividi e “traumatici” sto seguendo la strada giusta… oppure no.

L’unica cosa certa è che oggi andrò avanti a caffè…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...