Modern Witch League – Alfabeto di Strega

H come Howling

Dall’inglese ‘ululare’ che può essere del vento o di animale.
Ero indecisa se questa settimana trattare un’H diversa, più scontata come Halloween, visto che ci stiamo avvicinando alla data in questione, parlare della festività e via dicendo, ma mi sono in realtà volta soffermare invece su questo ‘ululare’ che sta diventando uno di quei segni che ritornano ogni tanto e ti fanno drizzare le orecchie.
Ovviamente non voglio parlare di ululati in senso stretto, ma di quella serie di cose, coincidenze, fatti, flash, segnali che avvertiamo nella nostra vita e che, almeno nel mio caso, ho iniziato ad associare ad un particolare messaggio/suggerimento. Nella fattispecie l’ululato per me è un suono diverso sa quelli che sento attorno a me, l’ululato del vento o l’ululare di un cane, e il mio subconscio ogni volta che avverto il fischio del vento mi mette sull’attenti. Non avevo mai fatto caso su che reazione provocasse in me questo suono ma ora facendo mente locale mi rendo conto che è un suono che mi fa scattare dei meccanismi tali per cui, per quanto lieve, io mi stacco mentalmente da quello che sto facendo e mi metto in ascolto.

Da quando ho iniziato a lavorare con il mio animale totem questo è diventato qualcosa di più, poiché proseguendo in questo percorso mi sono resa conto che le coincidenze non sono mai coincidenze e che ogni avvenimento ha origine per un motivo. Quindi questo aspetto ha iniziato a far parte della mia pratica in un certo senso. Mi avvisa se sto perdendo la rotta, se mi sto buttando troppo a capofitto su qualcosa, mi dice “Fermati! Rallenta, cerca di capire dove stai andando”. Mi avverte che magari sono troppo avventata, irruenta e impulsiva, che magari non sto mettendo la dovuta attenzione alle cose, che sto solo eseguendo azioni senza pensiero logico e mi “consiglia” in qualche modo di fermarmi a riflettere e di agire con più discernimento. Ed è sempre così. Quando sento questo, o uno sbuffo d’aria sulla nuca che non so da dove arrivi, per me è diventato un monito a ragionare e ad usare la testa. Non che ora mi fissi su tutti gli sbuffi d’aria o gli “ululati” che sento, ma un attimo di attenzione in più in certi casi aiuta ad evitarsi errori ed a ritornare in equilibrio con se stessi.

Questo genere di segnali possono arrivare in molti altri modi, ne sono consapevole, ma proprio perché io ho imparato a dare valore a tutto ciò che mi succede li vedo come segni. Non tutto è un segno, lo so bene, ma ho imparato a capire istintivamente, come se toccasse delle mie corde specifiche, che questi sono segni.
Iniziando ad approcciarsi col mondo dello spirito si imparano d’istinto tante cose, credo.
Come per ogni cosa credo che l’importante sia la moderazione, il non esagerare e non esasperare il tutto. Il vivere naturalmente questi avvenimenti perché riveleranno da soli la differenza tra ‘qualcosa che succede’ e ‘qualcosa che ci avverte’.
Si espandono i sensi da un certo punto di vista. Penso che faccia parte della propria crescita spirituale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...