Modern Witch League – Witchy Book Challenge

Recensione: “La via dello sciamano” di Micheal Harner

Complice l’influenza, ho finito anche questo libro.
L’ho trovato interessante soprattutto all’inizio e utile per i primi passi con esercizi pratici.
Ha riportato alcune pratiche rituali molto specifiche e attuabili al meglio in gruppo e così come ho trovato anche in altri libri ha dato una interpretazione molto soggettiva della malattia, ma si spinge a fare di più, ovvero a dare indicazioni su come muoversi per “guarire”.
Ora, essendo io convinta che la guarigione sugli altri ad opera di uno sciamano praticante sia oltre che una dote naturale, anche il frutto di un lungo addestramento, ho trovato forse un po’ troppo eccessivo riportare alcune tecniche così dettagliatamente in questo libro che si prefigge come scopo il dare una infarinatura generale su cosa sia lo sciamanesimo e cosa significhi passare oltre al velo e incontrare animali totem e/o sciamani interiori, maestri ecc, penso che forse queste tecniche fossero più adatte ad un libro avanzato sull’argomento, sicuramente con annessa una buona dose di esperienza.
Non so, mi da l’impressione che tutti possano infine giungere a guarire gli altri, che tutti abbiano le capacità per essere uno sciamano, quando io penso che finchè si tratta di lavori personali e interiori le tecniche sciamaniche siano sicuramente utili, ma quando si tratta di agire sugli altri ci sono delle qualità e delle doti che devono essere innate perchè possano veramente essere messe in pratica.
Insomma, sembra che per diventar sciamani basti fare un corso o un percorso. Che guarire gli altri sia una passeggiata con la pratica.
Io penso che agire sugli altri non sia qualcosa da sperimentare a meno che non ci si senta portati per questa via.
Praticare tecniche sciamaniche ed essere uno sciamano sono due cose diverse.
Tutti sappiamo disegnare, ma non tutti siamo artisti.
In conclusione quindi il libro risulta interessante, illuminante anche per certi versi su pratiche individuali che mi han dato modo di riflettere, sebbene il fatto che tratti la “guarigione” in questo modo mi abbia lasciato un po’ perplessa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...