Determinazione, tempi e progetti

Ci sono delle volte, in questi mesi in cui la mia determinazione vacilla.
Ho un piano, ho delle idee, ho dei progetti, direi quasi che ho una strada da percorrere e che so dove andare adesso… come sempre scopro queste cose in ritardo, ma non importa! Mi dico ogni cosa ha un tempo diverso per ogni persona…e poi… ci sono giorni come oggi che ti svegli e realizzi che il tuo sogno, tanto caro e speciale, é anche il sogno di altri e che lo hanno già realizzato ed é come se mi avessero portato via qualcosa, come se avessero “normalizzato” il mio fantastico sogno nel cassetto e mi ricordassero che infondo… non é che sia questo granché. Che sono un’illusa se penso di riuscire a combinare qualcosa non il mio progetto, che così sto solo “scimmiottando” un percorso serio che invece altri hanno percorso per anni (full time e non a spizzichi e bocconi come me).
Sembrano tutti così “arrivati”, anche persone insospettabili vicine a me, che mi domando che cosa spero di fare io per davvero. Come dice Dani, “Ma tu cos’é che vuoi fare alla fine?”.
Ed io me la do una risposta. Mi rispondo. So cosa voglio fare alla fine. Anche se significa abbandonare la zona di confort in cui mi trovo, e che ora che Il Prof ha dato le dimissioni – lo avevo scritto? – non é tanto male, ma é da ANNI che dico di uscire dalla Gabbia. Non solo per Il Prof ma anche perché lì non sto ottenendo niente.
Sebbene ultimi sviluppi possano anche tornarmi utili per questo mio progetto da OltreGabbia. Ma é tutto da vedere.

Cos’altro raccontare a parte i miei dubbi esistenziali (o almeno una parte di essi)?
Ieri sera sono uscita con le Corve.
Sono così particolari loro due e così uniche e normali, sono un balsamo per i nervi. Anche perché quando si mettono d’impegno parlano a parlare (anche un po’ tra di loro a volte) ed io posso stare ad ascoltare senza parlare assolutamente di me e dei miei “dubbi esistenziali”… un po’ come faccio sempre insomma. Però poi escono. Non quelli di cui parlavo sopra, che ancora sono “inediti” ai più. I dubbi esistenziali più o meno “frilli frilli”, come direbbero le Brut. Dubbi legati al fatto che la vita degli altri procede (la Sob mi ha detto ieri sera che si sposa e sono tanto contenta per lei, davvero) ed io mi sento sempre in quella stasi, in quella immobilità che a questo punto non può essere mia. Per la Gabbia ora ho un piano. Per Casina ho un altro piano, ma che non mi sembra stia funzionando. Probabilmente la Pigg ha ragione, dovrei parlar chiaro. Di nuovo e PIU’chiaro evidentemente. Anche se da un lato mi sento come se mi stessi tirando una zappa sui piedi…ma a sto punto che cada sta zappa. E che sia finita.

Sto leggendo “Queste oscure materie” in questi giorni, e ho finito l’altro giorno “La Bussola d’Oro”. A parte il finale che mi ha lasciato un po’ “…EEHH?”, un aspetto mi ha affascinato di questa storia, così come mi aveva affascinato in passato: la questione del daimon.
Mi sono fatta i miei approfondimenti sulla figura del daimon e su tutti quegli spiriti “vicini” a noi e ho trovato affascinante questa figura “che ci cammina accanto”. Ci ho anche scritto un post per pensieripagani, che vorrei pubblicare a breve.
Un altro buon proposito per Ostara, che ormai é quasi alle porte, é quello di sistemare il mio altare. Da quando l’ho impacchettato e portato qui da casa dei miei non l’ho più toccato. É rimasto nel limbo di cartone dove lo avevo rinchiuso e sarebbe ora che lo facessi uscire. Ma vorrei fare le cose fatte bene. E ciò significa trovare del tempo in cui non ho altre cose da fare (dalla mia ToDoLiiist). Potrei farlo nei miei sabati mattina, ma normalmente finché faccio colazione commetto l’errore di accendere Dee Jay TV e perdermi in “Sangue del tuo sangue” o “Alta Infedeltà”. Lo so, lo so, però devo dire che per farti compagnia finché fa i mestieri é ottimo. Dai bisogna ammetterlo. Sono una pessima pagana per questo? Forse, ma sono una persona stressata e se al week end non trovo il modo di rilassarmi é finita, quindi ecco perché anche stamattina rimanderò la questione altare e pulizie varie ad altra data… magari la settimana prossima o una sera di questa settimana se sono del giusto stato mentale.

Infine, la novità di questo 2016 che ora é praticamente ufficiale: Daniele, dopo essere già stato due settimane in Cile a Gennaio dovrà tornare in Cile…per 2 mesi e mezzo. Da metà luglio a fine settembre.
La cosa ovviamente mi riempie di gioia e felicità infinita… e mi causa le pare e le paturnie che nei giorni pre-AdM fa vaccillare le mie certezze… tutte le mie certezze.
Ma come dicevo, questo mi permetterà di avere più tempo “libero” e da dedicare agli altri miei progetti ancora in canatiere.

Insomma sarà un 2016 mica da ridere. Ci sarà da fare, molto da fare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...